La Vita di Pi – Ang Lee

“In ogni essere vivente si nasconde una dose di follia che scatena comportamenti bizzarri, a volte inspiegabili. Questa follia può costituire un’ancora di salvezza: è parte integrante della capacità di adattamento. Senza, nessuna specie al mondo sopravviverebbe.”

“Io penso che la vita non sia altro che un atto di separazione, ma la cosa che crea più dolore è non prendersi un momento per un giusto addio.”

Film straordinario, che mi riporta a tante innumerevoli considerazioni: sul senso della vita, sull’improvvisazione, sulla sopravvivenza, sul distacco, sulla brutalità e sulla ferocia della vita, ma anche sulla sua assoluzione  e clemenza, sul rapporto uomo-natura, sulle coincidenze di percorso e sul definitivo abbandono.

Com’è possibile, dopo aver convissuto con qualcuno i nostri pensieri, le nostre paure più profonde, le intimità, le risate e le complicità che un rapporto intenso presuppone, che due vite si dividano per sempre, lasciando dietro una scia di inevitabili ricordi destinati a sfumare lentamente nel vuoto?

A questa domanda non riesco ancora a darmi una risposta, eppure mi consola pensare che certi incontri, intensi o meno che siano, facciano davvero parte di un disegno cui ci è negato conoscere.

Vivere e abbracciare qualsiasi cosa, questo forse è il vero senso dell’esistenza.

 

 “L’incapacità di arrendersi è un dato caratteriale. Forse è semplicemente stupida fame di vita.”

Share Button

Amelie Robi Poulain

“Mia piccola Amelie, lei non ha ossa di vetro. Lei può scontrarsi con la vita. Se lei si lascia scappare questa occasione con il tempo sarà il suo cuore che diventerà secco e fragile come il mio scheletro. Perciò si lanci, accidenti a lei!”

Ok lo ammetto. Sono stata vittima della sindrome della Poulainite, e forse non ne sono mai uscita.
Amelie vede la vita come una deliziosa opera d’arte, ricca di dettagli infiniti e pieni di senso solo se gli stessi vengono interpretati con il cuore.
Quel cuore ingenuo e sognatore che ci invita a guardare alle cose con gli occhi da bambina per non cedere all’impatto tragico del reale.
Amelie-Bridge-End
Ma il reale si scontra brutalmente con l’irrazionalità e con l’estrema fantasia della ragazza, la quale preferisce accantonare la triste monotonia di una Parigi ripetitiva quanto insensibile, per rifugiarsi in un mondo colorato e pieno di significato.

“Il mondo esterno appare così morto che Amelie preferisce sognare una sua vita in attesa di avere l’età per andarsene”

La fuga da ciò che non ci permette di volare, dalle banalità, dalle giornate fatte di lavori stressanti e alienanti, ma soprattutto da persone che non sanno discutere, né mettersi in gioco, né considerare per un momento l’ipotesi che la bellezza della vita sta nelle piccole cose, nei singoli gesti giornalieri e non in un ammasso di azioni cicliche e macchinose.

Amelie questo l’ha capito bene, ed, oltre a rappresentare l’emblema di un capolavoro cinematografico francese, rispecchia perfettamente quel mondo colorato e luminoso (e forse fin soltanto onirico) che ci aiuta a poter superare il tran tran infinito e veloce della società.

A lei non interessano frasi scontate o persone banali; non vuole dover cambiare per compiacere al mondo stereotipato, vive di piccole, fugaci  ma veritiere gioie e di altrettanto strazianti ma sincere delusioni.

Nel suo piccolo Amelie ci invita a coltivare quotidianamente uno spazio legato ai piccoli piaceri della vita, gli stessi che illuminano il presente, per cui vale la pena soffermarsi e per i quali poter godere di un po’ di innocua  ed esaltante dolcezza, in mezzo a quel trambusto senza fine che si chiama Vita.

amelie

Si, anche a me piace immergermi nei profumi, nei sapori, nelle canzoni, nei minuziosi dettagli di una fotografia, nei gesti compiuti e ricevuti, e cerco di non smettere mai di soffermarmi sul bello del presente.

Mi piace concedermi delle sane pause dal reale, sentire che la vita non è fatta solo di ‘do ut des’, ma di tante brillanti sfacettature sempre nuove, visibili solo a chi crede in una buona dose di sana magia.

67d28c7f2e6c9d764b325885efa42a65

In fondo chi possiede Magia non necessita di trucchi né di sofisticate finzioni.

Non credete?




Share Button

Passióne

 

178865612_faeecb4c56_b

 

Senza Passione non c’è contenuto, ma mero contenitore. Senza Passione non c’è anima, non c’è forma, non c’è vita. E notate bene, non sto parlando solamente del sentimento passionale affettivo e sessuale, ma a ben di più: la passione in amore, certamente, come anche nel fare quello che si sta vivendo in quell’attimo, nel vivere una vita piena, unica, emozionante, appassionata.

Fate sempre che nel vivere i vostri giorni gli occhi brillino ed il vostro cuore voli alto.

A proposito di questo, riporto delle parole pensate qualche mese fa dalla sottoscritta, parole che potrei definire un ‘elogio alla gente appassionata, l’unica gente che mi interessa’:

 

Adoro quella gente che brilla di luce propria e non di quella riflessa, che contagia,che rischia,che non si conforma, che non considera la sua vita dipendente dal fare ma da ciò che è, che è vogliosa di fare /provare/sperimentare ottocento attività diverse e che ancora sete di sorprendere, di apprendere, di trasformarsi, di reinventarsi; che si stupisce ogni giorno e che non riesce a star ferma a lungo senza sentire il bisogno estremo di esser continuamente stimolata.La stessa che conosce il divertimento ma anche la sofferenza ed il rispetto verso chi non può permettersi di divertirsi.Amo la gente senza mezzi, che ti permette di volare con una semplice conversazione , che se ne frega delle apparenze, che non ha tempo per criticare, né che ti riempie di parole senza sostanza gettate la per abbindolare il prossimo.Che senza la pratica non c’è verso che conti.Chi non perde tempo a parlare DELLA gente,ma che semplicemente parla CON la gente. Chi non teme il nuovo ne’ lo straniero, chi vive e lascia vivere senza distinzioni in generi ,lingue o etnie. Quelli stessi che puoi odiare ,amare e riamare in modo sempre nuovo perché vivono e combattono per farlo, e perché non passano mai per indifferenti e perché alla compagnia insipida preferiscono la sana solitudine.Gli stessi che quando amano lo fanno con tutta la passione che conoscono,senza freni ne’ finzioni,che sia un anno,un mese,una notte soltanto. Quelli che bruciano di curiosita’ per così tante cose che quasi faticano a poterle enumerare;e insieme vivono di piccoli,intensi, ma curati dettagli. Quelli che non devono spiegare a nessuno il perché vogliano esser distinti ,lo sono e basta anche senza saperlo;lo fanno a basta anche senza raccontarlo.

Adoro la gente con l’anima in fiamme perché in definitiva non si spegne mai.

fiammiferi_01-600

Non conformatevi nel dover sopravvivere, ma vivete e basta.

Quindi ardete ,ardete e ancora ardete.

 

Cercate sempre di volare alto, proprio dove solo la gente felice sa giungere.

E miraccomando, ricordatevi: che voi siate madri, figli, padri, marinai, idraulici, autori, cantautori, scrittori, politici; che voi siate giovani o anziani, donne o uomini, intenti a cambiare casa, a sposarvi, a lasciare il vostro Paese, a intraprendere una nuova rotta, a ballare al Moulin Rouge, insomma, chiunque persona voi siate e  qualsivoglia attività  stiate praticando o praticherete.. :

 

             DO IT WITH FUCKING PASSION OR NOT AT ALL

10-irresistible-traits-of-people-with-good-vibes




Share Button